Biografia

"La peculiarità creativa di Flavio Colusso è racchiusa tutta in questa filosofia dell’arte, intesa come creazione e ri-creazione in cui l’arcaico e il presente si incontrano in una commovente, umanissima, sintesi".
(Pupi Avati, 2004)


Flavio ColussoFlavio ColussoFlavio Colusso
WIKI > in Italiano
        > auf Deutsch
        > en Français 
        > em Português

COMPOSITORE, MUSICOLOGO e DIRETTORE impegnato nel grande repertorio lirico e sinfonico e nella produzione di prime esecuzioni e sue composizioni con artisti come Nina Beilina, Konstantin Bogino, José Carreras, Aris Christofellis, Mariella Devia, Cecilia Gasdia, Daniele Lombardi, Giovanni Sollima, Pietro Spagnoli, Joan Sutherland, in istituzioni come Gran Teatre del Liceu de Barcelona, La Fenice di Venezia, San Carlo di Napoli, Opera di Roma, Massimo di Palermo, Teatro de La Maestranza de Siviglia, Palais des Beaux Arts di Bruxelles, Festival Puccini di Torre del Lago, Spoleto Festival, Tianjin Festival, Conservatorie de Paris, Beijing Central Conservatory of Music, Académie de France, Sagra Malatestiana di Rimini, Settimana di Musica Sacra a Monreale, Festival de Granada, trasmessi da RAI, UER, WDR, ZDF, ARTE, HRTV, MEZZO, K-TV e incisi in oltre 50 CD (EMI, Brilliant, Bongiovanni).
È Accademico Pontificio di Belle Arti e Lettere, Compositore residente dell’Università di Osnabrück in Germania, membro “ad honorem” del Centro Studi Farinelli e presidente della Sibelius Society Italia, fondata con Sir Antonio Pappano e la nipote dello stesso Sibelius.
MAESTRO DI CAPPELLA della Chiesa Teutonica di S. Maria dell’Anima e della Basilica di S. Giacomo, ha fondato l’Ensemble Seicentonovecento e dal 1983 cura l’esecuzione e la pubblicazione delle opere di di Giacomo Carissimi [1605-1674].
AUTORE di numerosi saggi e pubblicazioni interdisciplinari (Accademia Nazionale di Santa Cecilia, Electa, Fondazione G.P. da Palestrina, IISM-Istituto Italiano per la Storia della Musica, LIM-Libreria Musicale Italiana), ha scritto la maggior parte dei testi delle sue composizioni vocali e dei libretti delle sue opere teatrali.

Le SUE COMPOSIZIONI [ vedi il CATALOGO e ascolta / listen ] sono eseguite, pubblicate e trasmesse in molti paesi.
Considerato tra i più significativi compositori di MUSICA SACRA, fra i suoi lavori spiccano : "Tu es Petrus" (2000) per Giovanni Paolo II; "Missa de Tempore in Aevum" (1996) con José Carreras; "Puer natus est nobis" (2015) per il Teatro la Fenice di Venezia; "Missa Sancti Jacobi" per il Giubileo compostellano (2004); "Missa Sancti Andreae Avellino" per il IV Centenario del santo Teatino (2007); l’oratorio "Il Sangue il Nome la Speranza", per la Real Cappella del Tesoro di San Gennaro (2008); la scena lirica "Recondita armonia di bellezze diverse" e il grande "Te Deum" per l’Anno pucciniano (2008); "Magie d’ombra et di luce" per il IV Centenario del Caravaggio (2010); la "Missa de Anima" (2018) per la Animabruderschaft.
Nel repertorio operistico, coreografico e di Teatro sperimentale da camera : il balletto "Dante-Strasse" (1994); #DitticoPerLeonardo, in occasione delle celebrazioni leonardiane (Premio "Le Note di Leonardo", Bologna 2019); le OPERE LIRICHE "L’impresario delle Isole Canarie, ovvero la Moda del teatro", per il Festival delle Canarie (1989); "Il Maestro di Cappella, ovvero i fantasmi dell’Opera" (2010); "Das Zauberfon!-il Cellulare magico", per il centenario di Gian Carlo Menotti (2011); "Notturno con Bram Stoker", opera multimediale per il centenario di B. Stoker (2012); "Il lauro del Gianicolo: morte di Riccardo Wagner a Venezia", per l’Anno wagneriano e dannunziano (2013); "I naviganti del Tempo", teatro allegorico e fantastico - Omaggio a Winckelmann (2017), e Omaggio a Canova (2022).  
È fondatore e DIRETTORE PRINCIPALE dell’Ensemble Seicentonovecento, gruppo vocale-strumentale fra i più originali dell’odierna scena internazionale, residente dal 2002 a Villa Lante al Gianicolo di Roma (L’Orecchio di Giano: Dialoghi della Antica & Moderna Musica), da oltre trenta anni impegnato nella produzione di prime esecuzioni e inediti - fra cui esecuzione integrale degli Oratori di Carissimi per l’Académie de France à Rome e la RAI Radio-televisione italiana, le imponenti “Musiche per le Quarant’hore” di Padre Raimo per il Teatro San Carlo di Napoli, "La nascita del Redentore" di Paquale Anfossi (1780), eseguito in prima moderna in diretta radiofonica europea UER dalla RAI di Roma. 

La sua DISCOGRAFIA comprende oltre 50 CD di sue composizioni, di inediti e rarità di Abbatini, Amodei, Anfossi, Cherubini, Geremia, Händel, Mariani, Mascagni, Mozart, Palestrina, Pergolesi, Perti, Sarro, A. Scarlatti, Torelli, Vaccaj, Vivaldi (e molti altri), fra cui "Exultate jubilate" di Mozart con Mariella Devia; le prime moderne della "Messa di Gloria" di Mascagni; le opere "La Maga Circe" di Anfossi e "Ottone in Villa" di Vivaldi; Complete Oratorios e tutti i mottetti "Arion Romanus" di Giacomo Carissimi (MR-Brilliant Classics); le composizioni sacre di Antonio Draghi, in fase di esecuzione e incisione discografica.

Flavio Colusso e l’Ensemble Seicentonovecento fin dalla metà degli anni ’80 hanno affrontato il repertorio degli evirati cantori con studi, concerti, pubblicazioni, tra i quali il ciclo di CD per la EMI con il sopranista greco Aris Christofellis – tra i primi uomini ai nostri giorni ad aver cantato i ruoli per il registro di soprano – dando impulso al revival che si è sviluppato dagli anni ‘90: i loro studi, concerti e CD rappresentano un punto di riferimento nella riscoperta di questo repertorio. Vedi anche il più recente progetto Mito Storia & Sogno di Farinelli.

ARTISTA VISUALE (Colusseo), suoi lavori grafici, pittorici, videografici e installazioni multimediali sono apparsi in pubblicazioni, collezioni private e musei fra cui: "Amarilli, il Primo libro di madrigali illustrati" (Museo della Musica di Bologna); "Le Opere di Misericordia" (sezione permanente di Arte contemporanea del Museo del Pio Monte della Misericordia di Napoli); "La viola scarlatta" (Festival de Sion); "Notturno con Bram Stoker" (Castello di Monopoli); "Labirinti di luce" (Confraternita di San Giacomo dei nobili spagnoli di Napoli); "Bisanum 996 d.C. il tempio rotondo" (Villa Lante al Gianicolo).
Ha collaborato nel settore cinematografico e televisivo con numerosi registi fra i quali: Pupi Avati, Jean Christoph Ballot, Jean-Pierre Dougnac, Renato Giuliani, Pasquale Festa Campanile, Renzo Martinelli, Franco Piavoli, Elio Rumma e, in particolare, con Georg Brintrup con il quale ha realizzato i film "Palestrina Princeps Musicae", prodotto per la Televisione tedesca ZDF e il canale ARTE (2009), presentato in prima assoluta al Parco della Musica per l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e "Santini’s Netzwerk" per la Radio-televisione tedesca WDR (2013) lavoro con il quale ha dato vita insieme al Pontificio Istituto Teutonico di S. Maria dell’Anima al progetto La via dell’Anima, incentrato sui manoscritti musicali della Collezione Santini di Münster.

Attivo come OPERATORE CULTURALE, direttore artistico e/o scientifico di numerose istituzioni, iniziative ed eventi fra cui: “Il Suono Giovane” (CIDIM-CIM-Unesco, 1988/89); “Incontri di coralità contemporanea” (1988/89); Ente Teatro Comunale di Sulmona (1988/90); “Musicaimmagine” Istituto di ricerca interdisciplinare sullo spettacolo (dal 1991 a oggi); “Giacomo Carissimi Maestro dell’Europa Musicale” (dal 1992 a oggi); “Concorso pianistico internazionale Vanna Spadafora” (dal 2002 al 2008); Festival “Venite Pastores” dal 2001 al 2012); “L’Orecchio di Giano: Dialoghi della Antica et Moderna Musica” / Institutum Romanum Finlandiae (dal 2002 a oggi); celebrazioni del “IV centenario dei Teatini in Sicilia” (2003); “Musica e spiritualità della Calabria” (dal 2003 al 2006); “Feste Musicali Jacopee” (dal 2004 a oggi); celebrazioni del “IV centenario di Giacomo Carissimi” (2005); Delegato dei Soci IMAIE (dal 2005 al 2009); “Draghi Projekt: Italia-Austria” (dal 2006 a oggi); celebrazioni del “IV centenario di sant’Andrea Avellino” (2007); Presidente della Commissione tecnica ENAP-Psmsad (dal 2006 al 2009); celebrazioni del “IV centenario di Lorenzo Scupoli” (2010); “La via dell’Anima – Tesori musicali da Roma a Münster” (dal 2013 a oggi); “Sibelius e l’Italia”, celebrazioni italiane del 150° anniversario della nascita del compositore finlandese (2015); Fondazione “Le Colonne del Decumano”; Collana editoriale “Musica Theatina” (LIM).

HANNO SCRITTO DI LUI illustri personalità della cultura e della critica come: Giovanni Acciai, Rudolph Angermüller, Jean Pierre Angremy, Valentín Arteaga, Pupi Avati, Christian Berlakovits, Carlo Boschi, Renato Bossa, Cecilia Campa, Sandro Cappelletto, Paolo Emilio Carapezza, Franco Cardini, Giovanni Carli Ballola, Rodolfo Celletti, Virgilio Celletti, Luisa Cosi, Marko Deisinger, Marcello Fagiolo, Francesco Giambrone, Catherine Goguel, Johann Herczog, Jean-Claude Lacroix, H.C. Robbins Landon, Mario Morini, Cesare Orselli, Rodolfo Papa, Ennio Speranza, Claudio Strinati, Armando Torno, Stefano Valanzuolo, Carlo Vitali, Alessandro Zignani, ...
Vedi introduzione