Perle d'amor stillate

Cantata allegorica in cinque parti (2004)
Testo e Musica di F. Colusso
Commissione di : Ensemble Seicentonovecento
S, Ms, Br, arpa tripla, pf. (ca. 20’)
Foto
«I numeri passano veloci, uno in fila dopo l’altro come su di un filo di perle
di cui le più belle si ‘contano’ la sera»
Flavio Colusso [Nota dell'autore]

L’ Esercizio Spirituale Concertato Perle d’Amor stillate per voci, arpa e pianoforte, eseguito la prima volta il 21 giugno 2004 presso il loggiato di Villa Lante al Gianicolo, è diviso in “cinque colori” - uno per ciascun movimento - e articolato intorno alla simbologia cangiante della lacrima-perla-“seme celeste”-“goccia che cura e nutre”-arca-conchiglia-stella, attraverso un percorso ‘labirintico’ fra miti lunari e dialoghi interiori che esprimono la fatica, il travaglio della ricerca dell’Essenza sublime, dell’Unissono-intonazione superiore, vertice che non può essere raggiunto da nessun’altra consonanza, grande dono invocato durante il lavoro attivo e fruttuoso della preghiera raccolta nel silenzio del cuore, qui musicalmente “raggiunto” nel SOL unisono cantato da tutte le voci sulle parole mater purissima.

Ecco un purissimo esempio di Seicentonovecento nel quale gli elementi di scrittura e di ri-scrittura si sono ‘abbracciati’ indissolubilmente. Ecco il giojello, ecco la perla tanto ricercata e richiesta, che tanto chiamava e tanto riecheggiava nella mente e nel cuore. Tutto è riunito il percorso e il giojello di questo periodo di cammino e di peregrinatio: questa «piccola conchiglia nel mare della curiosità»; ‘Punto coronato’ che distilla dal tempo che non c’è quello che ci sarà in sempiterno; alla ricerca di cinque ‘punte’ di quella STELLA di cui ben conosciamo i colori. (pp.95-96)  Si apre dunque il baule, la “cassaforte armonica” che fa zampillare ‘vecchie carte’ e sogni profetici, emozioni e tenerezze paterne. Le perle scorrono fra le mani come un “jeu-de-Rosaire” trasversalmente “fra Sacro & Profano”.
Le belle PERLE: consolazione di voci, di versi antichi e nuovi … L’esperienza di questi ultimi anni intorno agli “Essercizi” e ai progetti, hanno tratto un giovamento notevole dalla frequentazione con la meravigliosa VILLA Lante, sede del nostro “Orecchio di Giano: Dialoghi della Antica et Moderna Musica”. Queste “Perle” non si sarebbero ‘distillate’ senza quello stimolo e quel rifugio intimo e solenne.